Home » Libri » Le mie amiche streghe

Le mie amiche streghe

Le mie amiche streghe, dalla presentazione dell’editore:

Romanzo d’esordio divertente ma non saccente sulle nostre superstizioni, e soprattutto sulle nostre fragilità. Perché tutti, prima o poi, cadiamo nel «non ci credo ma poi se funziona».

Alice ha quasi quarant’anni, non beve caffè, ha paura dei gabbiani, cura la gastrite con le banane, e sul mondo si concede di avere piú domande che risposte. Capire le cose difficili è la sua passione, e dopo che le ha capite ha il dono di saperle spiegare agli altri. Tecnicamente è un medico, in realtà fa la giornalista scientifica, è rigorosa fino all’impossibile, adora gli aperitivi e ha le stesse amiche dalle elementari. Amiche che la considerano una clamorosa rompiscatole. Perché Alice ultimamente le ascolta parlare e non le riconosce piú. Erano lucide e ragionevoli, adesso credono alle pozioni miracolose, alle terapie alternative, ai magici benefici del cetriolo e agli spaventosi malefici di generiche multinazionali del male. Ma forse sono i suoi occhi testardi a voler negare il potere inesauribile dell’irrazionalità.

Un mio articolo per il Libraio, in cui riassumo il senso della cosa.

Le recensioni online:

Il post
Marie Claire
Query

Su carta:

Pagina99:

la Repubblica:

Il Fatto Quotidiano (qui versione online dell’articolo uscito su carta).

Qui la spassosa puntata del Radio2 Social Club in cui si è parlato di streghe (da 26′, più o meno).

Qui la presentazione a Radio3 scienza (nella seconda parte).